Skip to main content
 “Viaggiatrici e reporter”


foto di Annalisa Ceolin


Nei prossimi mesi a partire dal 12 giugno, anche all’Istituto Italiano di Cultura di Londra, si potrà partecipare a quella che in Inghilterra è una forma diffusa di socializzazione : il bookclub.
Aperto a chiunque voglia leggere e discutere in italiano, il book club ogni mese fino a novembre, sceglierà democraticamente tra le proposte delle partecipanti il libro da leggere e discutere per il mese a venire avendo per tema conduttore “Viaggiatrici e Reporter”.

Il viaggio si può declinare in molti modi, da quello tradizionale di esplorazione di luoghi sconosciuti, a quello della recente letteratura femminile “viaggio esperienziale” di trasformazione e rinascita. C’è il viaggio di chi è costretto a lasciare la sua terra spinto dalla povertà, dalla guerra, dalla siccità e quello di chi si fa testimone della sofferenza altrui, altrove. C’è il viaggio lento del camminare, di chi va in bicicletta o in vespa e sperimenta l’ospitalità delle genti del mondo.

Per questioni pratiche di organizzazione i primi due incontri avranno un libro già scelto dalla facilitatrice del book club Fiorella Connie Carollo; a giugno discuteremo di un argomento di attualità grazie alla testimonianza di Francesca Borri e il suo “La guerra dentro” (2014) edito da Bompiani Tascabili.
L’autrice è una giovanissima reporter freelance della guerra in Siria. Il libro è sia racconto, sia reportage e diario. Pone sul tappeto questioni che riguardano la costruzione delle notizie, il ruolo dei giornalisti, delle testate, i meccanismi della politica, dei media. Documenta la guerra nei suoi molti fronti incluso quello suo personale di Francesca. Ci racconta le storie di chi la subisce e di chi la fa. Da che cosa sia spinta lo dice brevemente alla fine del suo articolo al Guardian nel luglio 2013:

 I would have gone to Syria anyway. And for a very instinctive reason: because I know what solitude is, and I don't want others to feel alone. That's all. I am well aware that today it's hard to believe that somebody is motivated by a sense of moral urgency. But I am in Jerusalem, as I write, and I can assure you that here, on both sides of the wall, many pay a high personal price every day simply to keep on doing what they think is right – and it would be lovely to be here talking about them, rather than me.”
  Francesca, classe 1980, è già stata testimone della guerra in Kosovo di cui ha scritto in “Non aprire mai” (2009). You can read Francesca’s articles in 2013 for the Guardian here theguardian.com


Calendario

12 Giugno, 10 Luglio, 18 Settembre, 16 Ottobre, 20 Novembre
Il giorno è sempre di Lunedì e l’ orario 18.30-20.00


Primo incontro : 12 giugno, lunedì 12 alle ore 18.30
Francesca Borri “La guerra dentro” 2014, Bompiani Tascabili

visita la pagina :
gli_eventi/calendario/2017/06/book-club-viaggiatrici-e-reporter.html


Il libro è disponibile all’Italian Bookshop potete ordinarlo via email italian@esb.co.uk

Popular posts from this blog

Giovanna Foglia

UNA SCELTA DI VITA

Quando conosci Giovanna Foglia e poi scopri che è del segno  dei Pesci, il segno dei mecenati nelle arti, dei benefattori, dei filantropi, allora tutto torna. Se poi ci aggiungi che è nata nel 1956, l'anno della Scimmia secondo il calendario cinese, che considera i nati sotto questo segno i più intelligenti e dotati negli affari, allora quello che ti racconta della sua vita, torna nel disegno delle stelle. Giovanna è una donna speciale che mette le molte energie, la fantasia, lo spirito pratico e sopratutto il suo cospicuo patrimonio al servizio della causa delle donne."Perchè?" le chiedo "da dove viene questa scelta?" la risposta non si fa attendere:"Perchè le donne sono quelle che hanno meno soldi e meno possibilità; a peggiorare le cose poi c'è l'invidia diffusa che ci mette l'una contro l'altra. Aiutare le donne è una scelta di campo ma in realtà significa aiutare la società intera a migliorare. Sono diventata femmin…

Tibet Il paese delle donne dai molti mariti

Giuseppe Tucci1936 



"Povere donne tibetane:graziose e sempre sorridenti quando sbocciano alla primavera della vita, a trent'anni sono già curve e disfatte: privazioni, lavoro, cibo scarso le fanno prematuramente sfiorire, e allora tutto quello che c'è di brutto e di ripugnante nei lineamenti mongoloidi viene in primo piano sulla loro maschera grinzosa. Ma finchè sono giovani godono del pochissimo che la vita può loro offrire su queste terre: allegre e spensierate, quasi consce del loro rapido trapassare. Di mariti quasi tutte ne hanno più di uno, perchè in Tibet vige ancora [il grassetto è mio] il costume della poliandria. Una ragazza sposa non solo il suo fidanzato ma insieme con lui tutti quanti i suoi fratelli e, come se ciò non bastasse, può anche prendersi una specie di assistente, un marito più o meno legale che, essendo scelto per capriccio o per più o meno valide ragioni, finisce presto per diventare la persona più autorevole di questo strano regime familiare. I f…

Utopia e disincanto secondo Claudio Magris (4)

"La fine e l'inizio di millennio hanno bisogno di utopia unita a disincanto. Il destino di ogni uomo, e della Storia stessa, assomiglia a quella di Mosè, che non raggiunse la Terra Promessa, ma non smise di camminare nella sua direzione. Utopia significa non arrendersi alle cose così come sono e lottare per le cose così come dovrebbero essere; sapere che il mondo, così come dice un verso di Brecht, ha bisogno di essere cambiato e riscattato.
[...]
Ogni generazione e ogni individuo devono rifare, e non solo una volta, l'esperienza traumatica ma salvifica dei primi cristiani, che attendevano la parusìa, il ritorno del Salvatore che era stato loro promesso... Disincanto significa sapere che la parusìa non ci sarà, che i nostri occhi non vedranno il Messia, che l'anno prossimo non saremo a Gerusalemme, che gli dèi sono in esilio.
[...]
Utopia e disincanto anzichè contrapporsi devono sostenersi a vicenda. La fine di utopie totalitarie è liberatoria solo se si accompagna a…