Thursday, 21 January 2016

Lidia Ravera


Scrivere vuol dire cercare

Dalla presentazione al suo libro "Piangi Pure" trascrivo alcuni passaggi di Lidia.

Ho provato a mettermi nelle scarpe di una donna più grande, di 79 anni, nel tentativo di ridisegnare, ridefinire un territorio che l'immaginario comune dice che è vuoto. Ho accettato la sfida di andare a vedere che cosa succede e siccome l'unico metodo d'indagine che io conosco è la scrittura, ho iniziato a scrivere non appena ho avuto l'immagine di una donna, Iris e di una situazione....

Questa adorabile 79enne s'innamora e vive una vera storia d'amore, non un'imitazione dell'amore delle altre età. Un amore che contiene delle costanti, perchè le dinamiche dell'innamoramento sono sempre uguali, e delle variabili perchè fuori dalle tempeste ormonali della giovinezza, l'amore cambia cadenza, cambia linguaggio e figure di danza ma non è minore. Anzi, per certi versi, siccome nella vita l'attivismo sfrenato con cui cerchi di distrarti si rarefà, questo amore maturo prende una profondità e uno spazio straordinari.
Quando capisce Iris che è innamorata? Quando lo nomina, perchè l'amore è una decisione. Si certo c'è qualcun che ti piace, ma sei tu che decidi, è volontà attiva. Noi donne troppo a lungo siamo state educate ad essere scelte ma a 79 anni non c'è più la pazienza di aspettare, ti fai parte attiva. Io infatti penso che quegli anni possono essere meravigliosi: non hai niente da perdere, le tue sicurezze te le sei fatta, la tua vita è andata, quello che ti resta è spericolato, è puro rischio.
Conclude Lidia. "Insomma, all'anziana attiva è destinato il maschio migliore, l'amatore delicato e intelligente"


Saturday, 2 January 2016

Le dee dentro ogni donna



Jean and me in Rome


Lo spirito indomito di Artemide

"Da quando sono in pensione il mio hobby è cambiare il mondo!" ha detto sorridendo al pubblico italiano accorso a vederla alla Fiera dell'Editoria Indipendente a Roma lo scorso dicembre. 
Nel 2014 si è celebrato il trentennale del suo libro "Le dee dentro la donna. Una nuova psicologia del femminile" edito in Italia dall'Astrolabio, un libro che è diventato un classico e si trova ancora negli scaffali delle librerie assieme all'altro classico "Donne che corrono con i lupi " di Clarissa P. Estes.
Minuta e piccolina, Jean a Roma è venuta per parlare dello spirito indomito che anima le donne abitate dall'archetipo di Artemide, Diana per i romani. L'ultimo dei suoi tredici libri, l'ha dedicato all'archetipo della dea che ha animato molte delle leader storiche dei movimenti femministi degli anni Sessanta e Settanta.
Lo spirito di Artemide è improntato ad una grande autonomia e indipendenza. Sceglie da sola i suoi obiettivi e sa raggiungerli perchè è molto determinata. Ha un forte istinto di protezione verso le giovani donne, le bambine, chi subisce un'ingiustizia, gli indifesi. La grande determinazione nel perseguire i suoi obiettivi la porta talvolta a rimanere insensibile verso i bisogni della propria famiglia e di chi le sta vicino. Una donna contemporanea che incarna perfettamente questo archetipo è la leader della Birmania Aung San Suu Kyi.